COME ABBINARE I COLORI NELL’ARREDAMENTO

Accostamenti cromatici arredamento

COME ABBINARE I COLORI NELL’ARREDAMENTO

Sia che tu stia arredando la tua nuova casa sia che stia ristrutturando quella di famiglia, è bene che presti massima attenzione alla scelta dei colori. Non solo quelli di pareti e pavimenti, ma anche dei mobili e dei complementi d’arredo che andranno a dare vita a ogni ambiente!

È inevitabile e imprescindibile considerare lo spazio a disposizione, la luminosità naturale o artificiale, la disposizione degli arredi e lo stile che si vuole adottare prima di pitturare muri o acquistare qualsiasi elemento. Questi fattori racchiusi tra muri e arredi dai colori sbagliati possono ingannare la vista e creare stanze cupe, poco accoglienti.

La palette colori della tua casa deve trasmettere equilibrio alla tua mente e al tuo corpo. Gli accostamenti delle varie tinte devono essere coerenti per ottenere l’armonia necessaria per vivere bene ogni ambiente. Certo, ognuno ha uno o più colori preferiti che desidera utilizzare in casa, ma come scegliere le tonalità giuste da accostare? Quali sono le combinazioni ideali?

La regola di base prevede di non utilizzare più di tre colori, così suddivisi:

1. un colore principale da utilizzare per circa il 60% degli interni, questa sarà la tonalità di base da usare per pareti e mobili di grandi dimensioni;

2. un colore secondario in contrasto con il colore primario per coprire il 30% dello spazio disponibile e dare sia movimento sia profondità all’ambiente;

3. il 10% spetta al colore d’accento, ovvero un tono che contrasta i due precedenti e cattura l’attenzione.

Solitamente il colore dominante è un colore neutro (bianco, grigio, beige), in grado di esaltare diverse metrature e di abbinarsi a svariate sfumature che possono arricchire la casa senza renderla pacchiana o che possono essere racchiuse in dettagli facili da sostituire quando la tendenza del momento o il nostro gusto cambiano.

Ci sono poi degli aspetti più psicologici e percettivi da tenere presenti. Infatti, non tutte le cromie sono adatte a ogni stanza e possono far provare sensazioni tanto piacevoli quanto spiacevoli a chi vi entra.

Ad esempio:

- i colori freddi (verde, blu, azzurro, viola) sono capaci di infondere un senso di riposo e relax, ma non vanno bene in ambienti piccoli perché tendono a restringere gli interni;

- le tonalità calde (giallo, rosso, arancione) sono accoglienti e conviviali, però, proprio per la loro energia, è meglio utilizzarle in una porzione della stanza (es. una parete o una nicchia);

- i toni neutri trasmettono freschezza, serenità, semplicità ed eleganza, il rischio è quello di creare ambienti monocromatici piatti, senza personalità.

Come abbinare i colori delle pareti e dei mobili non è semplice, ci sono tante sfumature da tenere a mente!

Nell’indecisione puoi ricorrere all’armocromia oppure alla tua palette colori preferita per procedere a esclusione e, una volta individuato il colore dominante, trovare l’abbinamento ideale per l'arredamento della tua casa. Puoi ricorrere al cerchio di Itten per trovare le combinazioni cromatiche migliori.

Si tratta di un ruota cromatica che comprende colori primari e secondari disposti in scala. I primi sono giallo, blu e rosso e possono essere miscelati per ottenere tutte le gradazioni. I secondi, anche detti colori complementari, si trovano uno di fronte all’altro sulla ruota e unendoli si ottiene un grigio neutro. Il cerchio di Itten serve a mostrare quanto i colori che si trovano ai lati opposti (es. giallo e viola o blu e arancione) si combinino bene, mentre quelli affiancati sia meglio non abbinarli - eccetto bianco e nero.

Il cerchio cromatico viene usato regolarmente in interior design per arredare secondo analogie e contrasti di colore. L’analogia accosta colori affini e si ottiene il cromatismo armonico. È per questo che l’azzurro si abbina a blu e ciano, l’arancione a giallo e rosso. Il contrasto è, tuttavia, la tendenza predominante nella scelta degli interni. In particolare per chi ama uno stile minimal e moderno. La classica coppia è il bianco e nero, ma il contrasto si ottiene anche proponendo la stessa tinta con intensità diverse oppure affiancando un colore caldo a uno freddo - sempre con le dovute proporzioni.

Ovviamente tutte queste indicazioni possono essere ignorate se si desidera un effetto più eclettico, basta essere consapevoli del rischio che il risultato potrebbe essere pesante da gestire nel quotidiano.

In generale, il colore più semplice da abbinare è il bianco: talmente neutro da bilanciare anche accostamenti audaci. I colori basic, ad esempio il color cioccolato, il grigio, il color antracite, il nero o il tortora, sono altrettanto versatili e facili da impreziosire con punti luce per un ambiente pulito ma di impatto.

Il verde salvia e il blu possono vivacizzare le varie zone della casa in maniera originale. In alternativa puoi scegliere un color ottanio, molto apprezzato di recente - come dimostrano alcuni dei nostri progetti -  perché capace di abbinarsi a svariate sfumature, anche all’oro, per dare un tocco più sofisticato ed elegante. Il rosso, così come tutti i colori forti e caldi, può essere usato nell’arredamento se smorzato da nuance crema o elementi metallizzati.

Proviamo ad immaginare queste tinte e a valutare come si scelgono i colori per ogni stanza.

In camera da letto, soggiorno e bagno è consigliabile optare per sfumature rilassanti, tranquillizzanti e delicate. Possono essere i classici bianco, crema, grigio oppure si può virare su blu, verde, rosa antico.

In cucina e, in caso di open space, in salotto è possibile osare con una parete o con quadri dalle tinte accese oppure con mobili più appariscenti - poltrone, pouf o alcuni vani.

Un altro metodo molto valido per scegliere i colori di casa, come abbiamo detto all’inizio, è considerare le dimensioni e le caratteristiche dello spazio a disposizione. Le tinte scure vanno usate solo se la stanza è ampia, altrimenti si deve ricorrere a colori chiari su tutte le pareti, compreso il soffitto. È quello che accade nell’ingresso o nel corridoio di casa (ne abbiamo scritto qui e qui). 

Sia chiaro che anche con i colori neutri si può sbagliare. È vero che si adattano a qualsiasi stile e sono facili da affiancare ad altre tonalità, ma bisogna evitare la banalità. Per farlo è necessario sfruttare gli accostamenti cromatici, ovvero:

- dosare il monocromatico;

- osare con le texture, i disegni e gli specchi

- sfruttare i contrasti, anche semplici; 

- illuminare con la luce e con elementi in metallo.

Vieni in showroom o contattaci per farti consigliare da un professionista e dare personalità alla tua casa attraverso nuovi colori!

Ultimi articoli


arredamento tutto bianco

CASA TOTAL WHITE: SÌ O NO?

È possibile arredare con il bianco basta essere consapevoli del fatto che ogni oggetto sarà valorizzato dalle sue capacità riflettenti e che total white non significa assenza di colore o di personalità.

angolo bar in casa

ANGOLO BAR IN CASA: COME REALIZZARLO

Condividere un cocktail in compagnia o degustare un calice di vino in solitudine comodamente a casa, si può fare. Sfatiamo il mito che per avere un angolo bar si debba avere ampie stanze e sia obbligatorio ricorrere a dei banconi imponenti o a carrelli porta liquori...

progettare una cucina professionale casalinga

CHE SENSO HA TENERE IN CASA UNA CUCINA PROFESSIONALE?

Per avere una cucina professionale non è necessario essere degli chef, anche degli appassionati attirati dalle sperimentazioni e curiosi di provare nuovi abbinamenti possono progettare una cucina professionale casalinga.

Copyright 2018 © Piroi Snc - P.IVA 01996840128 - Privacy Policy - Cookie Policy - Credits

RESTA IN
CONTATTO CON PIROI

SEGUI LE ULTIME NOVITÀ SUL MONDO DELL'ARREDAMENTO